Support
Cyber Attack

Cyber Attack

04 Marzo 2021 Scritto da News 137
Vota questo articolo
(4 Voti)

Oxfam Australia ha rilasciato una dichiarazione che conferma l'esistenza di una violazione dei dati.

Dopo settimane di speculazioni, Oxfam Australia questa settimana ha confermato che il no-profit era l'obiettivo di un attacco informatico il 20 gennaio.

Il database compromesso presumibilmente contiene i dati di un massimo di 1,7 milioni di sostenitori e Oxfam ha confermato di aver avviato il processo di contatto con i sostenitori impasiti.

In una dichiarazione, Oxfam ha osservato: "Il database include informazioni sui sostenitori che potrebbero aver firmato una petizione, preso parte a una campagna o fatto donazioni o acquisti attraverso i nostri ex negozi.

"Mentre l'indagine ha rilevato che nessuna password è stata compromessa, il database a cui ha avuto accesso illecitamente dalla parte esterna per la maggior parte dei sostenitori includeva nomi, indirizzi, date di nascita, e-mail, numeri di telefono, sesso e, in alcuni casi, cronologia delle donazioni. Per un gruppo limitato di sostenitori, il database conteneva informazioni aggiuntive e Oxfam sta contattando direttamente questi sostenitori per informarli dei tipi specifici di informazioni pertinenti per loro.

Lyn Morgan, amministratore delegato di Oxfam Australia, ha dichiarato: "La privacy e la protezione dei nostri sostenitori è stata la nostra considerazione principale durante questo processo, che ha comportato un'indagine approfondita e complessa".

L'indagine di Oxfam sulla violazione è stata avviata dopo aver trovato fughe di dati online.

Devi effettuare il login per inviare commenti